Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Campagna di comunicazione – contrasto alla diffusione delle droghe sintetiche, incluso in Fentany

5

 La Lotta al Fentanyl: Una Priorità del Governo

 

Il Governo italiano ha posto la lotta contro il Fentanyl al centro dell’agenda politica del G7, di cui detiene la Presidenza.

Questo oppioide sintetico, molto più potente della morfina e prodotto illegalmente, è disponibile sul mercato in varie forme, tra cui liquida e in polvere. Negli ultimi dieci anni, questa droga ha radicalmente cambiato il panorama degli oppiacei, provocando gravi conseguenze sociali e causando, solo nel 2021, 137 decessi all’interno dell’Unione europea.

A Livello Internazionale

Il nostro Governo è attualmente al lavoro per contrastarne la diffusione tramite i più importanti fori multilaterali, tra cui il Gruppo Pompidou ed il G7, entrambi a Presidenza italiana.

Su impulso dell’On. Tajani, il tema della minaccia relativa alla diffusione delle droghe sintetiche è stato ampiamente trattato nel contesto della Presidenza italiana del G7  e in  diversi vertici di alto livello:

  • Ministeriale Esteri: tenutosi a Capri dal 16 al 19 aprile 2024;
  • Riunione del Roma-Lione Group: tenutasi a Roma dal 17 al 19 aprile 2024.

L’Italia continuerà ad essere parte attiva nei fori multilaterali competenti, con particolare riferimento alla Coalizione Globale contro le Minacce Provenienti dalle Droghe Sintetiche, alle Nazioni Unite e alla Commission on Narcotic Drugs, di cui il nostro Paese è membro.

A Livello Nazionale

Sebbene in Italia non vi sia ancora un’emergenza legata alle droghe sintetiche, l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze ha segnalato un notevole aumento della disponibilità di Fentanyl nei Paesi membri dell’UE dal 2021.

Per arginare tale sfida globale, l’Italia ha elaborato una Strategia di contrasto al Fentanyl che è stata ufficialmente presentata il 12 marzo 2024. Tramite un diretto coinvolgimento del MAECI ed un maggior coordinamento tra il governo ed il Dipartimento per le Politiche Antidroga, il Paese dimostra il proprio impegno nella lotta contro le droghe sintetiche.